Benvenuti nel portale Trigno Sinello
366-6788452
Mercoledì, 06 Dicembre 2017 12:12

Comune di San Salvo - Polo Scolastico

Written by
Rate this item
(0 votes)
Procedura aperta per l’appalto dei Lavori “Nuovo polo Scolastico materna ed elementare, con delocalizzazione ed accorpamento degli edifici scolastici, scuola materna di Via Firenze ed Elementare di Via De Vito"

AGGIORNATO AL 06.12.2017

SCADENZA PRESENTAZIONE OFFERTA 03.01.2018
BANDO E DISCIPLINARE AGGIORNATO AL 06.12.2017
DET. 20 DEL 06.12.2017 CHE AGGIORNA IL BANDO ED IL DISCIPLINARE CONTENUTI NELLA DET. A CONTRARRE N. 18 DEL 23.11.2017

F.A.Q.

DOMANDA N. 1 - Richiesta PEC del 07.12.2017

DOMANDA N. 2 - Richiesta PEC del 07.12.2017

  • A chi va intestata la Polizza provvisoria?
    La polizza provvisoria va intestata al Comune di San Salvo (CH), con P.I. 00247720691, in qualità di Ente per il quale è stata indetta la gara da parte della C.U.C. Ass. dei Comuni del Comprensorio del Trigno Sinello

DOMANDA N. 3 - Richiesta PEC del 07.12.2017

  • Parametro dell'offerta tecnica B4 (pag. 31 del disciplinare di gara) - capacità di applicazione di misure per la gestione ambientale
    La capacità della gestione AMBIENTALE, può essere dimostrato attraverso la certificazione EMAS, oppure con certificazione ISO 14001, in corso di validità.
    Nel disciplinare per mero errore è stato indicato ISO 9001:2008 (relativa alla certificazione dei sistemi di gestione per la qualità).
    Qualsiasi certificazione ISO 9001:2008 non verrà presa in considerazione per l'assegnazione del punteggio dell'offerta tecnica.

DOMANDA N. 4 - Richiesta PEC del 07.12.2017

  • I modelli di conferimento bene e di accettazione partecipazione alla gara in attesa di perfezionamento mutuo devono essere presentati anche dall'impresa mandataria in caso di ATI?
    Si - I modelli devono essere firmati dalla mandante e mandataria.

DOMANDA N. 5 - Richiesta PEC del 07.12.2017

DOMANDA N. 6 - Richiesta PEC del 07.12.2017

  • Per la presentazione della polizza con modalità cartacea è necessaria l'autentica notarile dei poteri di firma del fideiussore? Altrimenti in alternativa all'autentica nel disciplinare al p.to 3.3.1 lett. d) si richiede la presentazione della polizza con firma di gitale è un refuso?
    L’autentica notarile inerente la cauzione provvisoria è necessaria unicamente qualora il concorrente scelga la modalità di presentazione della stessa in formato cartaceo (modalità descritte al paragrafo 3.3.1 del Disciplinare di Gara).
    Qualora invece il concorrente scelga di presentare la cauzione provvisoria in formato elettronico, detto documento informatico deve essere conforme alle prescrizioni contenute al paragrafo 3.3.1 lettera d), del Disciplinare di Gara, in cui non è richiesta l’autentica notarile; in tale ultimo caso, il documento informatico è valido se sottoscritto con firma digitale da parte del soggetto garante e dovrà essere presentato unitamente a copia (scannerizzata) del documento (procura, ecc.) che attesti i poteri del sottoscrittore della fideiussione.
    La Commissione all’uopo nominata, si riserva di richiedere l'originale del documento che attesti i poteri del sottoscrittore della fideiussione.
    In caso di discordanza non dovuta ad errore materiale tra l’originale e la copia scannerizzata presentata a Sistema, il concorrente verrà escluso dalla gara.

DOMANDA N. 7 - Richiesta PEC del 13.12.2017

  • Per la certificazione EMAS e/o ISO14001, elencate nel disciplinare a pag. 31 sub criterio B4, si chiede se le relative certificazioni possano essere oggetto di avvalimento ai sensi dell'art. 89 del D.Lgs 50/'16 e s.m.i.
    NON è consentito. Vedasi delibera A.N.A.C. n. 837 del 27.07.2017

DOMANDA N. 8 - Richiesta PEC del 12.12.2017

  • Nel nuovo disciplinare di gara a pag. 30 nel p.to B2, secondo capoverso si richiede quale miglioria:
    - Proposte di soluzioni migliorative e/o integrative finalizzate a migliorare/integrare le opere progettate con particolare riguardo all'adozione di sistemi che consentano una riduzione del fabbisogno di energia primaria degli edifici.

    Le proposte devono mirare alla riduzione del fabbisogno di energia primaria.

DOMANDA N. 9 - Richiesta PEC del 13.12.2017

  • Si chiede se vengono accettate le garanzie fideiussorie prodotte anche in formato digitale, attraverso la diretta produzione del documento informatico, ossia il file firmato digitalmente in formato p7m registrato su supporto informatico con firme digitali del contraente e del garante, corredata dalla copia cartacea dello stesso documento informatico timbrato in calce dalle imprese concorrenti.
    AFFERMATIVO - Nel rispetto del D.Lgs 7 marzo 2005, n. 82, recante “Codice dell’amministrazione digitale”, aggiornato con il decreto legislativo 26 agosto 2016, n.179.
    Le polizze possono essere presentate nel seguente modo:
    1. in originale o in copia autentica ai sensi dell’art. 18 del d.p.r. 28 dicembre 2000, n. 445;
    2. documento informatico, ai sensi dell’art. 1, lett. p) del d.lgs. 7 marzo 2005 n. 82 sottoscritto con firma digitale dal soggetto in possesso dei poteri necessari per impegnare il garante;
    3. copia informatica di documento analogico (scansione di documento cartaceo) secondo le modalità previste dall’art. 22, commi 1 e 2, del d.lgs. 82/2005. In tali ultimi casi la conformità del documento all’originale dovrà esser attestata dal pubblico ufficiale mediante apposizione di firma digitale (art. 22, comma 1, del d.lgs. 82/2005) ovvero da apposita dichiarazione di autenticità sottoscritta con firma digitale dal notaio o dal pubblico ufficiale (art. 22, comma 2 del d.lgs. 82/2005).

DOMANDA N. 10 - Richiesta PEC del 13.12.2017

  • La presa visione in caso di partecipazione in ATI. Si chiede se la MANDATARIA possa effettuarla da sola la presa visione, nel caso sia munita di delega da parte di tutte le mandanti.
    AFFERMATIVO.

DOMANDA N. 11 - Richiesta PEC del 13.12.2017

  • Termine ultimo per la presa visione.
    Giorno 03.01.2018

DOMANDA N. 12 - Richiesta PEC del 13.12.2017

  • Per il sub criterio A3, si chiede se la figura del direttore tecnico da indicare, deve essere obbligatoriamente il direttore tecnico dell'impresa come da attestato SOA, oppure può essere una persona dipendente dell'impresa concorrente.
    Non è necessario che sia il direttore tecnico riportato nell'attestato SOA.

DOMANDA N. 13 - Richiesta PEC del 13.12.2017

  • Si chiede se il numero di ore minimo di presenza in cantiere delle figure richieste sia per il sub-criterio A2 che A3, deve essere un numero minimo pre-stabilito dalla S.A..
    Se può essere indicata solo una stima in funzione anche dell'offerta tempo che si presenterà, inoltre e tale impegno minimo garantito di ore presenza in cantiere va ad influenzare l'attribuzione dei punteggi per singolo criterio o meno.

    a) La S.A. non ha imposto un numero minimo di ore di presenza in cantiere per figure richieste per il sub-criteri A2 che A3;
    b) Il numero di ore garantite, della presenza in cantiere delle figure richieste per il sub-criteri A2 che A3, influenzerà sicuramente i commissari nell'attribuire il punteggio;

DOMANDA N. 14 - Richiesta PEC del 13.12.2017

  • Si chiede se la certificazione ISO 14001 (gestione ambientale), debba essere accreditata da organo competente al fine dell'attribuzione del punteggio.
    Affermativo.

DOMANDA N. 15 - Richiesta PEC del 13.12.2017

  • Si chiede se tutta l'offerta tecnica debba essere firmata oltre che dalle imprese concorrenti anche da eventuale progettista abilitato ed iscritto all'albo (es. Ingegnere, architetto, ecc.).
    E' opportuno che la parte tecnica, quali parametri (A4,A5,B1,B2,B3), sia firmata da tecnico progettista.

DOMANDA N. 16 - Richiesta PEC del 13.12.2017

  • Si chiede se è obbligatorio indicare la terna dei subappaltatori.
    Affermativo.

DOMANDA N. 17 - Richiesta PEC del 13.12.2017

  • Si chiede se è possibile firmare i documenti di istanza di partecipazione alla gara con FIRMA OLOGRAGFA IN ORIGINALE.
    Affermativo.

DOMANDA N. 18 - Richiesta PEC del 14.12.2017

  • Nella composizione dell'ATI, la mandante deve possedere il 10% della singola categoria e NON del totale dell'appalto
    Affermativo.

DOMANDA N. 19 - Richiesta PEC del 14.12.2017

  • Nel settore IAF28 l'attestazione ISO 9001:2008 sia equivalente a quello di EA28.
    Affermativo.

DOMANDA N. 20 - Richiesta PEC del 14.12.2017

  • Si chiede se non è necessario l'indicazione della terna dei subappaltatori per categoria essendo sotto la soglia di rilevanza comunitaria dell'art. 35 del D.Lgs 50/'16 e s.m.i.
    NEGATIVO
    La terna dei subappaltatori va indicata in sede di offerta, ai sensi di quanto disposto nell'art. 105 c. 6 del D.Lgs 50/'16 e s.m.i.
    Si precisa inoltre che per la terna dei subappaltarori non va compilato singolarmente il D.G.U.E.
    N.B. Vedasi anche risposta quesito n. 16

DOMANDA N. 21 - Richiesta PEC del 14.12.2017

  • Con la presente si chiedono chiarimenti in merito alla composizione di un A.T.I. mista non ancora costituita tra le imprese di seguito elencate:
    IMPRESA 1 in possesso di attestazione SOA nelle categorie OG1 (classifica III-BIS) e OG11 (classifica I);
    IMPRESA 2 in possesso di attestazione SOA nelle categorie OG1 (classifica III) e OG11 (classifica II);
    IMPRESA 3 in possesso di attestazione SOA nelle categorie OG1 (classifica II).

    Nello specifico si chiede se è possibile partecipare alla gara in oggetto ipotizzando una ripartizione percentuale delle quote relative alle 2 sub associazioni orizzontali come di seguito indicato:
    IMPRESA 1 (capogruppo) - Categoria OG1 (60%) e categoria OG11 (40%);
    IMPRESA 2 (mandante) - Categoria OG1 (25%) e categoria OG11 (60%);
    IMPRESA 3 (mandante) - Categoria OG1 (15%).

    AFFERMATIVO
    N.B. Vedasi anche risposta quesito n. 5 e 10

DOMANDA N. 22 - Richiesta PEC del 20.12.2017

  • Facendo riferimento al sub-criterio A3, e al quesito n. 12 pubblicata sul sito della S.A., si chiede se la figura del direttore tecnico da indicare, rappresenterà in tutti i sensi la figura del direttore tecnico di cantiere e se tale figura può coincidere con la figura richiesta al sub-criterio A2.
    AFFERMATIVO
    La figura richiesta nel sub criterio A3 riguarda il direttore tecnico di cantiere.

DOMANDA N. 23 - Richiesta PEC del 20.12.2017

  • Dalla compilazione del modello D.G.U.E. messo a disposizione dalla S.A., ci si è resi conto che mancano le dichiarazioni introdotte dal Decreto Correttivo (D.Lgs 56-2017 in vigore dal 20-5-2017), ovvero quelle facenti capo all'art. 80 c. 1 lett. b-bis) e art. 80 c. 5 lett. f-bis) e f-ter).
    A tal proposito si chiede se è possibile integrare il D.G.U.E. con un'autodichiarazione ai sensi del DPR 445/2000 in ordine alle previsioni di cui all’art. 80, comma 5 lett. f-bis e f-ter del Codice.

    AFFERMATIVO
    N.B. Si allega stralcio della normativa richiamata, ovvero D.Lgs 56-2017 - Art. 80 Motivi di esclusione - In vigore dal 20 maggio 2017
    art. 80 c.1 - lett. b-bis) false comunicazioni sociali di cui agli articoli 2621 e 2622 del codice civile; art. 80 c. 5 lett. f-bis) l'operatore economico che presenti nella procedura di gara in corso e negli affidamenti di subappalti documentazione o dichiarazioni non veritiere;
    art. 80 c. 5 lett. f-bis) f-ter) l'operatore economico iscritto nel casellario informatico tenuto dall'Osservatorio dell'ANAC per aver presentato false dichiarazioni o falsa documentazione nelle procedure di gara e negli affidamenti di subappalti. Il motivo di esclusione perdura fino a quando opera l'iscrizione nel casellario informatico;

DOMANDA N. 24 - Richiesta PEC del 20.12.2017

  • In merito al quesito n. 20, si chiede se in questa fase di presentazione delle offerte bisogna SOLO indicare i nominativi delle due terne di subappaltatori che si indicheranno rispettivamente per la categoria prevalente OG1 e la categoria scorporabile OG11, senza produrre in capo agli stessi nessun tipo di documentazione amministrativa.
    AFFERMATIVO
    Si devono indicare solo le terne dei subappaltatori, se ricorre, senza produrre in fase di partecipazione alla gara, ulteriori documenti.

DOMANDA N. 25 - Richiesta PEC del 20.12.2017

  • Con la presente si chiedono chiarimenti in merito alla composizione di un ATI non ancora costituita tra le imprese di seguito elencate:
    • IMPRESA 1 in possesso di attestazione SOA nelle categorie OG1 (classifica IV) e OG11 (classifica I);
    • IMPRESA 2 in possesso di attestazione SOA nelle categorie OG1 (classifica II)
    • IMPRESA 3 in possesso di attestazione SOA nelle categorie OG11 (classifica II).

    Nello specifico si chiede se è possibile partecipare alla gara in oggetto ipotizzando una ripartizione percentuale delle quote relative alle 2 sub associazioni orizzontali come di seguito indicato:
    • IMPRESA 1 (capogruppo) - Categoria OG1 (79%) e categoria OG11 (40%);
    • IMPRESA 2 (mandante) - Categoria OG1 (21%)
    • IMPRESA 3 (mandante) - Categoria OG11 (60%)

    A tal proposito si configurerebbe un'ATI MISTA, ovvero orizzontale sia per la categoria OG1 che per la categoria OG11. La partecipazione in forma congiunta di più imprese associate alla realizzazione di opere di una categoria scorporabile implica necessariamente la formazione di un A.T.I. mista.

    Si chiede a tal proposito se le percentuali che ogni impresa facente parte al raggruppamento, devono essere calcolate sull'importo a base di gara di € 3.436.691,77 o sull'importo complessivo compreso degli oneri di sicurezza.

    a) AFFERMATIVO - Valida la proposta di ripartizione dell'ATI mista sia in OG1 che OG11;
    b) le percentuali che ogni impresa facente parte al raggruppamento, devono essere calcolate sull'importo complessivo compreso degli oneri di sicurezza, ovvero su 3.502.305,30 €;

DOMANDA N. 26 - Richiesta PEC del 20.12.2017

  • Come evidenziato nel punto 3.0.8. del Disciplinare di Gara, si chiede di accettare mediante sottoscrizione il Protocollo di Legalità nella parte III, sezione D, numero 8, del DGUE.
    Tale condizione non può essere dichiarata nel DGUE, in quanto il punto 8 non è presente.

    Vi chiediamo, quindi, se è corretto produrre una dichiarazione nella quale si accetta, in caso di aggiudicazione dell’appalto, la sottoscrizione del Protocollo di Legalità stipulato tra il Comune di San Salvo e la Prefettura di Chieti.

    AFFERMATIVO
    Si può inserire, nel modello reso disponibile dalla S.A., un p.to 8 nella parte III della Sez. D, con la dichiarazione di accettazione della sottoscrizione del Protocollo di Legalità stipulato tra il Comune di San Salvo e la Prefettura di Chieti.
    In alternativa si può integrare il D.G.U.E. con un'autodichiarazione ai sensi del DPR 445/2000.
    N.B. Si veda il p.to 3.5.3 del DISCIPLINARE DI GARA, nel quale sono disciplinate le appendici integranti del D.G.U.E.

DOMANDA N. 27 - Richiesta PEC del 15.12.2017

  • In varie parti del disciplinare si citano le appendici al DGUE specificatamente indicate al p.to 3.5.3 del disciplinare a pag. 28/29, esse non sono però presenti nel DGUE messo a disposizione dalla S.A.
    Il D.G.U.E. editabile, messo a disposizione dalla S.A., fatta eccezione della parte I, riportante le informazioni sulla procedura di appalto, compilato dalla S.A., è il modello pubblicato sulla G.U. Serie Generale n. 174 del 27.07.2016.
    Le integrazioni necessarie, sono possibili, così come indicate nella risposta al quesito n. 23 e 26.

DOMANDA N. 28 - Richiesta PEC del 21.12.2017

  • In merito alla sottoscrizione della documentazione di gara non è chiaro se è sufficiente la sottoscrizione a mano con allegate copie dei documenti di identità dei dichiaranti o è necessario inserire le dichiarazioni su supporto informatico con firme digitali degli offerenti (vd. punto 6.2.1 irregolarità suscettibili di soccorso istruttorio) si chiede anche se l'eventuale sottoscrizione con firma digitale si debba applicare anche all'offerta tecnica.
    E' sufficiente la sottoscrizione a mano con allegate copie dei documenti di identità dei dichiaranti.

DOMANDA N. 29 - Richiesta PEC del 21.12.2017

  • In merito ai requisiti di partecipazione si chiede di confermare quanto disposto dal disciplinare a pag. 20 punto 3.1.4 in merito al possesso facoltativo del certificato ISO 14001 ( conformità alle norme di gestione ambientale) in quanto nel capitolo 6 art. 6.1 viene richiesto all'offerente il possesso non solo del certificato ISO 14001 ma anche di quello di responsabilità sociale SA8000.
    Si CONFERMA, quale requisito di partecipazione, solo quanto disposto dal disciplinare di gara a pag. 20 punto 3.1.4, ovvero solo il possesso facoltativo del certificato ISO 14001.

DOMANDA N. 30 - Richiesta PEC del 21.12.2017

  • La produzione del contratto con l'ente certificatore per il rilascio di attestazione ISO 14001 dà diritto all'eventuale punteggio sub - criterio B4 dell'offerta tecnica?
    NEGATIVO.

DOMANDA N. 31 - Richiesta PEC del 21.12.2017

  • Vi chiediamo, non essendo iscritti alla White list, se è necessario dichiarare la terna di subappaltatori per le attività maggiormente a rischio di infiltrazione mafiosa.
    In assenza di indicazioni operative da parte di ANAC e in assenza di interpretazioni giurisprudenziali sul punto, si ritiene, in conformità ai principi di ragionevolezza e massima partecipazione, che l’indicazione della terna di subappaltatori, in caso di attività ricadenti nell’elenco dell’art. 1, comma 53, della Legge n. 190/2012, sia obbligatoria qualora le prestazioni oggetto di sub-affidamento posseggano le caratteristiche indicate dall’art. 105, comma 2, del D. Lgs. n. 50/2016.
    Sotto un diverso profilo, l’affidamento in subappalto di attività ricadenti nell’elenco del comma 53 dell’art. 1, della Legge n. 190/2012 richiede l’iscrizione nella white list ai sensi degli artt. 52 e 52-bis della legge n. 190/2012, avendo ad oggetto esclusivamente prestazioni considerate maggiormente esposte al rischio di infiltrazione mafiosa (si veda, in termini di principio, TAR Campania, Sez. I, 23 marzo 2016, n. 1511.

DOMANDA N. 33 - Richiesta PEC del 22.12.2017

  • Nel il quesito n. 25 pubblicato sul sito della S.A., l'Ente ha specificato che in caso di ATI le percentuali che ogni impresa assumerà all'interno di essa devono essere calcolate sull'importo comprensivo degli oneri di sicurezza pari a € 3.502.305,30, mentre il quesito n.5 fa riferimento solo agli importi soggetti a ribasso pari a € 2.854.414,05 (83.06%) per la cat. OG1 e € 582.277,72 (16.94%) per la cat. OG11, per un totale di € 3.436.691,77.
    Vi chiediamo se per calcolare le quote complessive di partecipazione all'ATI (es. Impresa Capogruppo quote totali pari al 60% su 3.502.305,30, tale percentuale corrisponde al 63,21% di OG1 e il 51% di OG11) bisogna tenere fuori l'importo dei costi della sicurezza pari a € 65.613,53 o bisogna includerli?

    OCCORRE INCLUDERE I COSTI DELLA SICUREZZA.

DOMANDA N. 34 - Richiesta PEC del 22.12.2017

  • In merito alla gara in oggetto si richiede di specificare quanto segue: nell’offerta economica non inseriremo quale miglioria la posa di pannelli fotovoltaici in quanto elementi non previsti nel bando, ma se qualcuno nel formulare la propria offerta ignora questa particolarità e inserisce i pannelli otterrà un punteggio per questo?
    NON SARA' OGGETTO DI PUNTEGGIO L'EVENTUALE OFFERTA DI IMPIANTO FOTOVOLTAICO.

DOMANDA N. 35 - Richiesta PEC del 22.12.2017

  • In merito alla gara in oggetto si richiede di specificare quanto segue:
    Riprendendo il quesito n. 33 pubblicato sul sito della S.A., l'Ente ha specificato che in caso di ATI le percentuali che ogni impresa assumerà all'interno di essa devono essere calcolate sull'importo comprensivo degli oneri di sicurezza pari a € 3.502.305,30.
    Alla luce di questo, come bisogna ripartire l'importo dei costi della sicurezza pari a 65.613,53?
    Fare una ripartizione come le percentuali delle singole categorie, ovvero l'83,06% di € 65.613,53 per la cat. OG1 e il restante 16,94% di 65.613,53 per la cat. OG11.

    AFFERMATIVO.
Read 4822 times Last modified on Martedì, 13 Febbraio 2018 12:44
L'Associazione, con ente capofila il Comune di San Salvo, annovera 54 Comuni compresi nelle province di Chieti, Isernia e Campobasso, per una popolazione complessiva di 137.000 abitanti e una estensione complessiva di 1680 Kmq
SEGUICI SU
CONTACT INFO

Associazione dei Comuni del Comprensorio Trigno-Sinello.
Ente capofila: COMUNE DI SAN SALVO - C.F.: 92017760692
Piazza Amendola - 66050 San Salvo (CH)

Email: info@trignosinello.it
PEC commercio: suaptrigno@pec.it
PEC Edilizia: suaptsedilizia@pec.it

Suap Commercio: 366-6788452
Suap Edilizia: 366-6540126
Sit : 366-6540129

Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Copyright © 2017, Trigno Sinello All Rights Reseved. P.Iva 00247720691 - Informativa sulla Privacy & Cookie Policy - AREA RISERVATA